Aggiornarsi è facile

Si torna online dopo quasi tre settimane di stacco telematico pressoché totale, e si vengono ad apprendere con sollievo le seguenti cose:

- Silvio Berlusconi è stato condannato penalmente in via definitiva, ma si è immediatamente messa in moto qualche autorevole voce pubblica che rivendica la necessità assoluta di un provvedimento di grazia;

- la ministra Cecile Kyenge si è guadagnata tre settimane ininterrotte di permanenza fissa in prima pagina, senza fare assolutamente nulla di attivamente rilevante;

- le otto supervecchiette rimaste che vantano una nascita documentata nel secolo del 1800 (una giapponese, quattro statunitensi , una messicana, un’italiana e un’inglese) sono ancora tutte al loro posto.

Insomma, siamo tranquilli, non è successo nulla di sorprendente.

Questa voce è stata pubblicata in civiltà superiore, cronaca, media, personale, politica, supervecchietti. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Aggiornarsi è facile

  1. Roberto scrive:

    1. esito a definire gente come schifani e brunetta “autorevoli voci pubbliche”
    2. Aggiungerei che la pubblicità alla kyenge non è stata nè cercata nè gradita

    Bentornata

Rispondi a Roberto Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>