Samuele Riva, la Boiron, e un colpevole ritardo

Tra le vicissitudini blogosferiche estive che qui si erano potute seguire soltanto di striscio, con scarsa possibilità di intervento ma con coinvolgimento sincero, la prima è senza dubbio quella di Samuele Riva, giovane coraggioso e assennato che si è trovato coinvolto, suo malgrado, in una paradossale controversia con una grande multinazionale dai pochi scrupoli, e dall'ancor minore senso del ridicolo.

Arrivo buona ultima in questa fitta mobilitazione, ma tengo molto a precisare che i termini usati qui non sono a caso: se definisco il ragazzo assennato, con voce lessicale fuori moda ma scelta apposta, c'è un motivo.

Samuele Riva, in sintesi, è stato minacciato di denunce penali (con lo spettro di conseguenti richieste di risarcimenti esorbitanti) dalla Boiron, grande azienda produttrice di rimedi omeopatici, per aver semplicemente ricordato in pubblico una realtà banale già diffusamente nota: ovvero, che nei rimedi omeopatici, ma quelli veri, fabbricati secondo le regole ufficiali della dottrina primaria dell'omeopatia, di principio attivo non c'è niente.

C'è qualcosa di rivoluzionario in questa affermazione?

Qualcosa di estremistico, qualcosa di provocatorio, qualcosa di innovativo?

No, c'è solo una realtà banale già conosciuta a chiunque abbia voglia di studiare un po'.

Per questo definisco l'autore assennato: mica rivoluzionario, mica eroico, niente del genere.
Piacevolmente assennato, come l'avrebbe definito mia nonna.

Tale piacevole assennatezza gli ha procurato una minaccia di querela, ma gli ha anche consentito di far approdare le sue ragioni su riviste specialistiche come il British Medical Journal  (anche grazie alla serietà di un professionista come Fabio Turone, che la qui presente banale sottoscritta può personalmente vantare come maestro), e sulla rete intera.

Dopo il primo intervento ingenuo, dopo  il secondo incredulo, adesso è disponibile sul sito di Samuele anche il terzo, quello scientifico sul serio.

Le minacce di denuncia, a quanto pare, sono state ritirate con imbarazzo, di fronte all'evidenza.

A Samuele si offre qui oggi, sia pur tardiva, l'ennesima attestazione di sostegno e di stima.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>