Lo sbarco degli ufi alla Castalia Creativa – (intro)

Chiunque abbia lavorato nella scuola sa, con struggente automatismo, che per noi l'anno scolastico non termina con l'ultimo giorno di lezione, non termina con l'ultimo scrutinio, non termina con l'affissione dei tabelloni dei voti finali: l'anno scolastico termina quando si riconsegna il registro.

Non so, onestamente, se un estraneo possa capire appieno la portata simbolica dell'atto: una firma su un modulo e giù, si abbandona come un figlio alla ruota degli Innocenti, quell'unico testimone, confidente, puntofermo, oracolo, appiglio, angelo custode del lavoro fitto di un anno intero.

Quel giorno che l'alunna Coturnice Gerbera, limpida e terrorizzata, strappò finalmente la sua prima sufficienza piena, quello in cui ll'alunno Mulo Cavolo fu categoricamente trascinato in vicepresidenza, quello in cui un'intera classe piantò una contestazione sanguinaria, poi seguita da provvedimenti discplinari drastici .

Mettiamoci anche la paura atavica di essersi lasciati sfuggire un piccolo errore, di aver lasciato qualche dettaglio incompleto, la minaccia tonante che se ci fosse qualche ricorso, dovranno essere perfetti.

E' ovvio che, anche a cose fatte, l'ultimo secondamento  sia doloroso.

Per il momento, infatti a parte il fascicolo autonomo riguardante la classe da esame finale, ho resistito.

Gli altri pezzi ce li ho ancora qui, mi ostino ad aggiungere qualche piccola finezza, l'ennesima copia di una firma che forse mancava, una passata ansiosa di gomma su un vecchio appunto che era rimasto a matita, e farò un salto in sede a consegnarli in qualche orario improbabile, uno dei prossimi giorni.

Intanto, tra un temporale e una colata di afa, la qui presente docente scettica si trasferisce per un paio di settimane dal Ridente Istituto Tecnico di Hogwarts e Damanhur (dove gli scrupolosi cultori di magia naturale saranno definitivamente messi alla prova da qualcun altro)…

…alla Castalia Creativa, dove la fantasia vola alta, le forme si trasfigurano, i colori danzano, i suoni fluiscono, le Muse irradiano, e dove esaminare tutte queste anime belle, perfino nelle materie scientifiche, è uno sporco lavoro, ma qualcuno lo deve pur fare.

Già da oggi, potenza paranormale del Ministero, sono atterrati gli ufi (plurale di ufo) anche qui.

Aggiornamenti regolari a prestissimo.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Lo sbarco degli ufi alla Castalia Creativa – (intro)

  1. Pingback: Troppo maturo per fare il pizzaiolo, e troppo giornalista per fingersi insegnante | Paniscus

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>